Articoli originali | open access
Sottoposto a Peer review

L’acqua come strumento di prevenzione e trattamento delle patologie da overuse del nuotatore agonista: studio cross sectional

F. Braghini, M.A. Mangiarotti

Sport and Anatomy Fascicolo 2-2017, pagine: 81-92
@ Pisa University Press 2017
Pubblicato: 15 maggio 2018


L’intero articolo è disponibile

Riassunto

Scopo: Nel nuoto agonistico, a causa dell’alta intensità di allenamento necessario, gli infortuni e le problematiche muscolo-tendinee sono frequenti e condizionano la preparazione stagionale dell’atleta. Tale studio vuole agire da stimolo alla riflessione su una condizione di disagio dell’atleta, che potrebbe essere migliorata con accorgimenti e attenzioni che attualmente risultano deficitarie. L’obiettivo primario è quello di far emergere i distretti corporei maggiormente coinvolti in problematiche da overuse e individuarne il predominante sulla base del quale proporre un trattamento preventivo con l’Idrokinesiterapia secondo il Metodo A.S.P. Materiali e Metodi: È stato somministrato un questionario di valutazione a 140 atleti scelti in modalità random raccogliendo dati anagrafici, dati natatori, quantità e frequenza di allenamenti, e dati relativi alla presenza o meno di patologie muscolo-tendinee, indagandone le strutture interessate, la frequenza, la modalità e il grado di risoluzione. Risultati: Il distretto corporeo maggiormente affetto da problematiche è risultato essere la spalla, anche in correlazione alle 4 specialità del nuoto, seguito, poi, da schiena e ginocchio, con percentuali che aumentano rispettivamente nei delfinisti e nei ranisti. Nonostante i molteplici approcci risolutivi adottati dagli atleti, in particolare Fisioterapia e riposo, più del 50% riporta una mancata risoluzione totale della problematica. Emerge un’assoluta mancanza di conoscenza o considerazione dell’Idrokinesiterapia come possibilità riabilitativa. Conclusioni: L’alto rischio dei nuotatori di incorrere in patologie da overuse e l’insufficienza di studi, informazioni o programmi preventivi evidenzia la mancanza di una adeguata attenzione al problema. La proposta di introdurre un programma preventivo nello stesso ambiente acqua, potrebbe giovare poiché l’atleta subisce un “danno” in acqua ma è lì che deve ritornare.


Parole chiave

Nuotatore · Infortunio · Spalla del nuotatore

Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


Abstract

Objective: In competitive swimming, injuries and muscle-tendon problems are frequent and they affect the seasonal preparation of the athlete, due to the high intensity of training required. This study aims to act as a stimulus for reflection on a condition of discomfort of the athlete, which could be improved with precautions and attentions that are currently lacking. The primary objective is to bring out the body districts most involved in overuse problems and identify the predominant to propose a preventive treatment with the Hydrokinesitherapy according to the A.S.P. method. Materials and methods: An evaluation questionnaire was administered to 140 randomly selected athletes, collecting personal data, swimming data, quantity and frequency of training sessions, and data related to the presence or absence of muscle-tendon pathologies, investigating the structures involved, the frequency, procedure and level of resolution. Results: The body district most affected by problems was the shoulder, especially because of the connection with the 4 specialties of swimming (butterfly, backstroke, breaststroke, freestyle), followed by back and knee, with percentages that increase respectively for swimmers specialized in dolphin crawl and breaststroke. Despite the many determined approaches adopted by athletes, as doing some physiotherapy or trying to rest for a while, more than 50% of them failed to solve the problem. There is an absolute lack of knowledge or consideration of hidrokinesitherapy as a rehabilitative possibility. Conclusions: The high risk of swimmers to incur overuse diseases and the lack of studies, information or preventive programs highlights the lack of adequate attention to the problem. The proposal to introduce a preventive program in the same water environment, could benefit because the athlete suffers a “damage” in the water but it is there that he must return

Keywords

Swimmer · Injury · Swimmer’s shoulder

L’intero articolo è disponibile